Ricette dal Mondo: dal Texas, il Buttermilk Fried Chicken

  • 22

Il Buttermilk Fried Chicken, che in italiano suonerebbe come pollo fritto al latticello (e visto come suona se non vi dispiace continuerei con l’inglese), è una di quelle ricette che ti scaldano il cuore.

Fughiamo subito ogni dubbio: il burro non c’entra nulla, a dispetto del nome. Questo però non vuol dire che si tratti di una ricetta light – anche perché non si è mai sentito di una ricetta dietetica che “scalda il cuore”, sarete tutti d’accordo con me.

Vi è venuto in mente Soul Kitchen? Tornate indietro, siete fuori strada.

Qui siamo in Texas, magari è domenica, e magari si è appena usciti da messa. Ci si prepara a un lauto pasto che nutre corpo e anima, e che prende tutto in prestito dalle radici africane dei lavoratori delle piantagioni del sud. Il Soul Food infatti è quello degli schiavi afroamericani, che mettendo insieme gli ingredienti avanzati (ora si usa il latticello, prima forse il latte scaduto) e le preparazioni delle terre d’origine, creavano un momento di condivisione e riposo in cui assaporare un cibo che confortasse e rasserenasse.

fried chicken1

La tradizione del Soul Food è tutt’ora viva, ma per noi turisti non è facile scovare luoghi dove lo facciano bene, sono pochissimi e ben nascosti. Quindi direi: partiamo con il farlo da soli,  E se poi doveste andare negli USA e imbattervi in uno di quei rari posti, commentate e consigliate! (aspettiamo sempre buone scuse per partire).

 

Ingredienti:

Per la marinatura (che deve durare una notte intera):

2 tazze latte

2 cucchiaini succo di limone

2 rametti di rosmarino fresco (oppure un cucchiaino di rosmarino essiccato)

1/2 cucchiaino pepe nero intero

2 spicchi d’aglio

1/2 cipolla

2 cucchiai sale

1 cucchiaio zucchero

 

Per l’impanatura:

1 tazza e mezza farina 00

2 cucchiaini paprika dolce

1/2 cucchiaino pepe

 

4 fusi e 4 sovracosce di pollo (in pezzi, con l’osso)

1 litro olio vegetale (Rachel ha usato un mix tra semi di vinacciolo e arachidi)

 

Preparazione:

1) Aggiungete il succo di limone al latte, e aspettate almeno 10-15 minuti. Quando girandolo con un cucchiaino vi accorgerete che ci sono dei grumi, allora è pronto (la consistenza sarà simile a quella di uno yogurt).

 

2) Tritate o affettate aglio e cipolla. Mettete rosmarino, pepe, aglio e cipolla in un contenitore insieme al pollo (ricordatevi di lavarlo prima!) e al latticello. Se non avete un contenitore a chiusura ermetica anche un sacchetto per il freezer è ok. Mettete in frigo e lasciare riposare per una notte intera.

 

3) Il giorno dopo preparatevi a godere. Togliete il contenitore dal frigorifero, aprite il coperchio e inspirate. La cucina sarà invasa da un odore inebriante, e già solo questa è una ragione più che ottima per cucinare questa ricetta.

Sempre inspirando, scolate il pollo raccogliendo il buttermilk in una ciotola: vi servirà per la doppia impanatura. Ricordatevi anche di espirare.

I pezzi di pollo vanno asciugati con della carta da cucina, anche per togliere eventuali residui dei gusti.

 

4) Mentre aspettate che la carne raggiunga la temperatura ambiente, in una ciotola mischiate farina, paprika e pepe. Per quanto riguarda le spezie la ricetta dice due cucchiaini e mezzo, ma abbondate pure se vi piacciono: questa è una ricetta gustosa!

 

5) Una volta omogenea, inserite la miscela in sacchetti del freezer. Mettete anche il pollo pezzo per pezzo, shakerate come fosse un pandoro e nel toglierlo dalla busta eliminate la farina in eccesso.

fried chicken2

 

6) Immergete nuovamente nel buttermilk i pezzi già infarinati, e poi ancora nella farina: è una ricetta per golosi, e ci va la doppia impanatura 🙂

Lasciate riposare il pollo. Deve raggiungere la temperatura ambiente e soprattutto asciugare un po’.

 

7) In una grande padella mettete uno strato di olio di circa 3 cm. Quando gettando un pizzico di farina nell’olio questo reagirà come l’acqua con l’aspirina, la temperatura è quella giusta per friggere. Ogni pezzo di pollo va cotto su ciascun lato finché non diventa dorato. Non solo sopra e sotto, anche di fianco! Se è molto spesso potete passarlo qualche minuto in forno caldo prima di servire.

.

Facebook comments

Website comments

Leave a Reply

Your Comment (Required)

Name (Required)

Email (Required)

Website