Partecipare al grande evento Expo2015? Ecco dei consigli utili.

  • 50

Nel 2015 l’Expo farà di Milano la capitale del mondo. Ecco alcuni consigli per trovare un hotel a Milano e vivere a pieno la città e questo grande evento.

logo_expo_

Segnate questa data: 1 maggio 2015. Non sarà solo la tradizionale festa dei lavoratori, infatti, ma anche l’avvio del tanto atteso Expo Milano 2015, l’Esposizione Universale caratterizzata dal tema “Nutrire il Pianeta, Energia perla Vita”.

Per 184 giorni – dal primo maggio, appunto, al 31 ottobre – il capoluogo lombardo sarà il centro del mondo, con una superficie di un milione di metri quadri per ospitare gli oltre 20 milioni di visitatori previsti e oltre 130 partecipanti ai vari dibattiti, incontri e tavole rotonde accomunate dalla riflessione sul diritto a una alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutti gli abitanti della Terra.

Expo2015progettoL’area espositiva è organizzata come un’isola circondata da un canale d’acqua, strutturata con un sistema di decumano e cardo mutuato dall’architettura dell’antica Roma; tutti i padiglioni nazionali si affacciano sul grande viale principale, denominato World Avenue, mentre lungo il cardo sono invece organizzati gli stand riservati a Regioni e Province italiane, con tutti i loro prodotti tipici.

Quale occasione migliore, dunque, per visitare Milano che organizzare una vacanza proprio in questo periodo, mettendo insieme le attrattive turistiche “normali” della città meneghina con questa straordinaria manifestazione?

L’offerta di hotel a Milano è ricca e variegata, per tutti i gusti e tutte le tasche: ovviamente, organizzandosi con un certo anticipo sarà possibile anche trovare delle buone occasioni a prezzo ridotto, soprattutto rivolgendosi a siti affidabili come Expedia per le proprie prenotazioni.

EXPO2015 LOGOL’area scelta per l’Expo è nel settore nord-ovest (al confine col comune di Rho), adiacente al nuovo polo espositivo di Fiera Milano. Qui sorgono numerosi hotel, soprattutto di compagnie internazionali, destinati in larga parte al business fieristico. La zona è ben collegata: nelle vicinanze ci sono una fermata della metro (M1 – stazione Rho Fiera) e una stazione per i treni (linee S5 ed S6, Stazione di Rho Fiera Milano), che in occasione delle fiere più importanti accoglie anche i treni ad Alta Velocità. Inoltre, da qualche anno negli spazi all’aperto della Fiera vengono organizzati concerti e festival musicali, con ospiti internazionali di tutto rilievo: se prenotate per i periodi estivi, vale la pena fermarsi a controllare il calendario degli eventi per assistere a questi spettacoli.

Per chi invece volesse alloggiare in zona più centrale, un consiglio valido potrebbe essere orientarsi e scegliere degli alberghi nei dintorni del quartiere Brera, dai più considerato il “più bello di Milano”: oltre alla rinomata Pinacoteca, con un patrimonio unico e assolutamente da ammirare, in questi luoghi si respira un’atmosfera particolare, molto europea e poco italiana, passeggiando lungo le stradine pedonalizzate e fermandosi in uno dei tanti bar o ristorantini, o ammirando le gallerie d’arte e i negozietti di oggetti vintage.

effetto-expo-2015Ma è evidente che il cuore di Milano è il suo centro storico, che racchiude nella “Cerchia dei Navigli” il perimetro delle antiche mura della Mediolanum medievale, e che offre ai turisti lo spazio verde dal Parco Sempione, il Palazzo Sforzesco che ricorda il potere del periodo ducale, il celeberrimo Duomo, capolavoro del gotico e reso immortale dalla Madonnina d’oro (e dalla famosissima canzone popolare),la Galleria VittorioEmanuele II in stile liberty, il Teatro alla Scala. Oppure, per quanti sono interessati allo shopping, la rinomata via Montenapoleone e l’intera zona del lusso che sorge nei dintorni di Piazza San Babila.

Un piccolo discorso a parte merita il refettorio del convento domenicano di Santa Maria delle Grazie: a leggere questo nome i più potrebbero fare un’espressione stupita, ma è qui che viene conservato uno dei più grandi capolavori della storia dell’arte umana, “Il Cenacolo” (o “L’ultima cena”, come pure è noto) di Leonardo da Vinci. Il genio fiorentino ha realizzato il dipinto tra  il 1494 e il 1498 sulla parete nord della grande sala, su commessa di Ludovico il Moro. A causa della sua delicatezza – e dei deterioramenti causati dal tempo e dalle vicende storiche – oggi l’opera è custodita gelosamente ed è visitabile solo da gruppi formati al massimo da 25 visitatori per volta, ogni 15 minuti.

Per maggiori info su cosa vedere a Milano, vi rimandiamo qui.

Facebook comments

Website comments

Leave a Reply

Your Comment (Required)

Name (Required)

Email (Required)

Website