Melbourne è diversa

Melbourne è diversa. Diversa dalle altre città. Un po’ europea, molto asiatica. Da anni regina in vivibilità, ti accoglie con le sue cinque stagioni in un giorno. Diversa anche nel clima. Portatevi sempre dietro un ombrello oltre che le infradito, non si sa mai. E poi il doposole a manetta, perché quando esce il sole qui ti ustiona anche d’inverno: anche il buco nell’ozono qui è diverso, è più grande!

 

Gente di Melbourne, gente diversa. Girando per il mondo non penso ci sia una città così variegata. Persone di tutte le razze, colori, tradizioni. Australiani, italiani, americani, malesi, giapponesi, coreani, cinesi, bengalesi, francesi, nepalesi, spagnoli, tedeschi, sudafricani, cileni, neozelandesi, tailandesi, filippini, inglesi, svedesi, canadesi. Pare ci sia spazio un po’ per tutti. È come vivere su un mappamondo. Ovviamente non si può non provare ognuno dei rispettivi ristoranti e cucine. Ad esempio, io non avevo mai mangiato in un ristorante nepalese prima di arrivare qui.

 

Diversamente dalle altre città, Melbourne è un intricato groviglio di piste ciclabili, bike lanes e trails. La mattina lungo lo Yarra una fila interminabile di bici si srotola verso il CBD. Tutina da bici professionale, zaino in spalla con camicia e abito d’ordinanza, non appena in ufficio doccia e cambio veloce, pronti per un’altra giornata di lavoro e tre meeting. Melbourne è diversa, c’è traffico in pista ciclabile. Tangenziale deserta.

Melbourne notte

E poi…. I cigni qui sono neri. Sole, luna e stelle ruotano al contrario. Le banconote sono di plastica riciclata. I mezzi pubblici sono in anticipo. L’erba è più gialla, la terra più rossa ma il cielo è sempre dello stesso blu. E gli eucalipti sono sempreverdi.

 

Melbourne è diversa, ti apre la mente!

Facebook comments

Website comments

Leave a Reply

Your Comment (Required)

Name (Required)

Email (Required)

Website